Archive for the ‘Bach’ Category

veneto-Concertante

Dopo lunga assenza estiva, rieccomi tra voi a parlare di musica!
Come lo scorso anno, vi rinnovo l’invito ad una delle più interessanti rassegne venete musicali che da qualche anno riesce a portarci in zona grandi artisti internazionali e locali.
Ecco nuovamente “Veneto Concertante 2013”, rassegna di musica classica e barocca che si svolgerà tra il 29 agosto ed il 4 ottobre.
Il festival è organizzato dall’Associazione Quadrivium sotto la direzione di Francesco De Zan, tra l’altro tra gli artisti esecutori, con il sostegno della Regione Veneto e la collaborazione delle Università di Venezia e Padova.
In programma musiche di Bach, Mozart, Beethoven, Brahms, Vivaldi, Britten, Ciaikovsky, Elgar, de Sarasate, Cimarosa e non meno importanti gli spazi scelti per ospitare i concerti del festival quali castelli, ville, abbazie della provincia di Treviso, Padova, Belluno e Venezia.

Per ogni ulteriore informazione basta scaricare il programma 2013 visitando il sito

http://www.venetoconcertante.it/

Annunci

Read Full Post »

stumenti antichiLe videolezioni talvolta sono più utili di molti libri, soprattutto quando si ha poco tempo e si devono ripassare velocemente i concetti: lunedì tenterò di cimentarmi nel test preliminare per l’ingresso al biennio abilitante che prevede un “unico” posto per docente di pianoforte….le probabilità statistiche che io lo superi sono scarsissime ma la prendo come un’occasione per rivedere la mia preparazione teorica e pratica, come è giusto che ogni docente periodicamente svolga. Dico “ripassare” i concetti perchè oltre a questo fantasmagorico test dalle speranze quasi nulle, nel mio percorso di studi ho già avuto modo di superare brillantemente per ben  3 volte esami riguardanti la storia della musica….ma, si sa, gli esami non finiscono mai quanto la ricerca della stabilità e per noi docenti è una consueta e ben nota situazione.

Tornando al tema dell’articolo, ho scovato da tempo queste videolezioni di Onorio Zaralli e del Centro Studi Multimediali “Il Ninfeo”:

http://www.youtube.com/user/ilninfeo?feature=watch 

Inizialmente mi metto ad ascoltare un video, poi lo riascolto annotando le cose più importanti, infine creo, su uno dei miei quadernetti, una panoramica generale del tema (es. il Rinascimento, oppure il Barocco…). Completo alla fine con l’ascolto (evviva youtube!) di brani citati negli appunti e nelle videolezioni che servano per fissare le idee e chiarire meglio gli aspetti teorici e i caratteri di certe forme musicali (es. mottetti, oratori, madrigali, sonate, suite, sinfonie…).

Altro materiale didattico musicale lo potete trovare nel sito personale di Onorio Zaralli:

http://www.onoriozaralli.it/

Read Full Post »

Vi propongo oggi l’ascolto e analisi del preludio e fuga in do diesis minore eseguita da Konstantin Semilakovs.
Nella stessa tonalità del Chiaro di luna di Beethoven, raramente utilizzata da Bach, il preludio fa da introduzione alla successiva fuga con la sua espressiva cantabilità. Ha uno stile di “ricercare“. Non ha una polifonia rigorosa, sembra quasi un’invenzione e si estende, attraverso progressioni, in un unico respiro fino alla battuta 15, quando finisce la prima parte e inizia la seconda. Nella prima parte c’è il tema (tonica-dominante) e la sua risposta armonicamente speculare (dominante-tonica). Mentre nella seconda, alla dominante della tonalità iniziale (sol diesis minore), il tema e la sua risposta sono rafforzati e maggiormente mescolati tra loro con un punto di maggiore espressività alla battuta 25 (la nota si diesis) ed una cadenza d’inganno (V-VI, anziché come ci si aspetterebbe V-I). Curiosità: se volte approfondire la cadenza d’inganno sarà molto divertente guardarsi la spiegazione di Alessandro Baricco a questo link:
Spesso la cadenza d’inganno permette all’ascoltatore di sorprendere ed al compositore di aggiungere una frase in più. in questo caso a battuta 35 e 36 c’è un richiamo al tema della fuga.
Bach Digital
La fuga ha invece ben 5 voci e 3 soggetti, anche questa un’eccezione tra le fughe del primo libro, poiché tale complessa polifonia era di solito peculiare delle grandi opere di musica sacra. In molti hanno cercato di capire se i 3 soggetti abbiano carattere proprio oppure siano da intendere come 1 soggetto tematico importante e due controssoggetti. Ma, a mio avviso, sembra che i tre temi (soggetti) siano ben distinti e ben diversi tra loro da averne il tipico carattere e da non potersi considerare di minore importanza rispetto al primo soggetto. Il secondo soggetto entra alla battuta 35 ed il terzo alla 49.  Non mi dilungo sulle entrate delle varie voci che nell’edizione Ricordi (il cui revisore è Tagliapietra) sono ben segnalate e devono ovviamente essere evidenziate musicalmente.
Scegliendo un tempo al metronomo di non più di 60 alla minima, è utile evidenziare bene il carattere di ogni soggetto: marziale quasi funereo il primo, più concitato e rapido il secondo,  più incisivo  il terzo.
Per lo spartito, ecco il link:

Read Full Post »

Partiture di Bach

Oggi ho ampliato un po’ la sezione “materiali” con le prime 4 coppie di preludi e fughe di Bach tratte dal Clavicembalo Ben Temperato che vi ho analizzato negli articoli precedenti. Trovate nella “Home” già la categoria Bach per ritrovare tali articoli.

Ovviamente del Clavicembalo Ben Temperato sarebbe più opportuno possedere l’intera opera i due volumi e vi consiglio caldamente l’edizione Henle-Verlag poichè è la più rispettosa dell’opera. Ma se volete prima dare un’occhio ai singoli brani il sito IMSLP potete facilmente scaricarli singolarmente e in seguito pensare all’acquisto in toto dell’opera.

Read Full Post »

Oggi v’invito all’ascolto di un brano che amo particolarmente: La cathédrale engloutie, 10° brano del I libro di due raccolte di preludi, composti da Claude Debussy tra il 1909 ed il 1913, con implicita dedica ai preludi di Chopin che a sua volta si rifacevano ai preludi del Clavicembalo Ben Temperato di Bach.

Inutile dire che ancora una volta Debussy e l’elemento acqua si ritrovano ad essere fortemente connessi, come in molte delle sue meravigliose composizioni (Ondine, La mer, Le jet d’eau dai Cinque poemi di Baudelaire, Pagodes e Jardin sous la pluie da Estampes, Reflects dans l’eau da Images, En bateau dalla Petite Suite per pf. a 4 mani, Pur remercier la pluie au matin dai Sei Epigraphes antiques sempre per pf. a 4 mani, Pelléas et Mélisande e molti altri ancora…).

Si aggiunge poi la magia di una leggenda che sta dietro a questo brano, quella della mitica città celtica di Ys che la storia narra essere riemersa dall’oceano per l’ultima volta prima del suo definitivo oblio eterno.

Il pianista di questo video è Dominic Piers Smith, giovane ed emergente pianista (nonché ingegnere aerospaziale!) che ci grazia di una splendida interpretazione alquanto profonda, delicata e lunare.

Ma successivo a questo video troverete una versione elettronica del brano, che sicuramente pochi hanno riconosciuto nel corso della pellicola, versione che fu utilizzata nel film Fuga da New York di John Carpenter, il quale ne fu non solo regista ma anche compositore delle colonna sonora, come per molti dei suoi film.

Buon ascolto!

Read Full Post »

Preludio e fuga in do diesis maggiore BWV 848.

Mi rifaccio alla lettura di Hermann Keller “Il Clavicembalo ben temperato  di Johann Sebastian Bach – l’opera e la sua interpretazione” (tradotto da Claudio Toscani), ed. Ricordi.

Come cita Keller, pochissimi sono i brani nella storia della musica a servirsi di questa tonalità con sette diesis: Haydn nel trio della sonata Hob XVI 36 e Beethoven nella Sonata quasi una Fantasia, mentre Schumann nel finale dei suoi Studi Sinfonici e Chopin nella parte centrale della Polacca in do diesis maggiore utilizzzarono l’omofona tonalità di re bemolle maggiore.

Il preludio di complessive 104 battute, inizialmente più breve in 67 (composta solo dalle battute 1-62 e 99-104), procede a due sole voci con andamento ascendente e discendente. Sicuramente tra i preludi del clavicembalo rappresenta l’esempio interpretativo tra i più virtuosistici, con una trama vicina alla badinerie (si ascolti l’ultimo movimento della Suite Orchestrale n. 2 per flauto ed archi dello stesso Bach), carattere dato soprattutto dalle seste spezzate che ritroveremo poi nel basso della corrispondente fuga.

La struttura è piuttosto logica e simmetrica (divisibile matematicamente per 4), interrompe il ciclo di 4 e 8 battute solo tra batt. 31-32 (al tempo stesso inizio e fine di un ciclo) e batt. 87-96 ( con un ciclo ampliato, di 10 batt. totali ed il successivo ciclo ridotto, di totali 6).

Nel ciclo di battute 47-54 abbiamo la ripresa alla sottodominante (fa diesis maggiore). La parte nuova da battuta 63 (che, come detto all’inizio dell’articolo, non faceva parte dell’originale stesura) è di andamento frizzante (definito da Schumann “gioco grazioso di spiritelli saltellanti”).

Qui appaiono (in 4 cicli di 12, 4, 4 e 10 battute) pause e note staccate di semicroma per concludere con accordi spezzati l’intero preludio, uno slancio che non permette alcun indugio nella velocità e costringe all’assoluta leggerezza del peso della mano.

La fuga (di 55 batt.) si sviluppa a 3 voci e con inizio tematico in levare sottolinea il carattere gaio e talvolta scherzoso. Qui la risposta (batt. 3) al soggetto non è altro che il soggetto alla quarta giusta inferiore (risposta reale). Numerose le seste spezzate che si richiamano al preludio (es. batt.2 e 5-6). Al soggetto alla tonica (batt. 1-2) rispondono due controsoggetti obbligati (batt. 3-4 e 5-6). Da batt. 7 e 16 vi sono le imitazioni e progressioni, come di consueto, nei divertimenti.

Possiede tre parti: l’esposizione (1-22) da do diesis minore a mi diesis minore; lo sviluppo (23-42) che gode d’intensa vita tematica (in particolare l’alternanza tra tonica e dominante svolta  dalle voci estreme da batt. 35); una ripresa (42-51…che nelle fughe generalmente non c’è!) e un’unica entrata del soprano da batt. 52, col levare precedente, che porta alla conclusione (52-55).

Ancora una volta, vi auguro buon ascolto!

Read Full Post »

Anche oggi al via con l’ascolto della seconda coppia di esecuzioni tratte dal I libro del Clavicembalo Ben Temperato di Bach, mi riservo di parlarne poi la prossima settimana.

Si tratta del preludio e fuga n. 2 in do minore BWV 847 di J.S. Bach.

L’esecuzione è ancora una volta affidata ad un grande del clavicembalo, Kenneth Gilbert, clavicembalista, didatta e musicologo canadese.

Buon Natale e arrivederci alla prossima settimana!

Read Full Post »

Older Posts »