Posts Tagged ‘isaac albeniz’

Isaac Albeniz (1860-1909 è un autore certamente poco conosciuto a chi non ascolta musica classica per pianoforte ma che sorprende per la sua raffinatezza.

Tratto dalla suite España, op. 165 (della quale trovate lo spartito qui), ecco la mia interpretazione del Tango in re:

Mi ha divertito molto leggere di alcuni aspetti della sua personalità che non conoscevo: ribelle e insofferente alle regole, grande adulatore di donne, grande concertista ma conosciuto anche per il suo carattere generoso e bonario nonchè giocherellone (celebri le sue gags in pubblico quali suonare girato di schiena o con le mani coperte da un lenzuolo!)

albeniz

Come Manuel De Falla e Enrique Granados ebbe il merito di aver affermato la musica spagnola slegandola da ogni influenza straniera esaltandone il carattere folkloristico ricco di vitalità ritmica e lirismo.

Allievo e ammiratore di Franz Liszt, dopo varie peripezie  e concerti in America,  si stabilì con la moglie e i figli a Parigi dove entrò nella cerchia di altri celebri composiori quali Debussy, Fauré e Dukas e divenne famoso come pianista, insegnante e compositore.

Esercitò la sua influenzà su Debussy, Faurè, Ravel, Messiaen, Poulenc ed il drammaturgo e poeta spagnolo Federico Garcìa Lorca ne scrisse l’epitaffio sulla tomba dove Albeniz è sepolto a Barcellona:

Questa pietra che vediamo eretta
sopra erbe di morte e fango oscuro
vigila lira d’ombra, sole maturo,
urna di canto sola e rovesciata.
Dal sale di Cadice a Granada
che erige in acqua il suo muro perpetuo,
su cavallo andaluso d’accento duro
la tua ombra geme nella luce dorata.
O dolce morte della piccola mano!
O musica e bontà intrecciate!
O pupilla di falco, cuor sano!
Dorme cielo infinito, neve tesa.
Sogna inverno di luce, grigia estate.
Dormi nell’oblio della tua vecchia vita!
[HO PAURA DI PERDERE LA MERAVIGLIA]
Ho paura di perdere la meraviglia
dei tuoi occhi di statua e l’accento
che di notte mi mette sulla guancia
la rosa solitaria del tuo alito.
Mi addolora star su questa riva
tronco senza rami; ma ciò che piú m’addolora
è non aver fiore, polpa o terra,
per il verme della mia sofferenza.
Se tu sei il mio tesoro occulto,
se sei la mia croce e il mio dolor bagnato,
se sono il cane del tuo dominio,
non lasciarmi perdere ciò che ho guadagnato
e inghirlanda le acque del tuo fiume
con foglie del mio autunno perduto.

Read Full Post »